sabato 9 agosto 2014

Cosa manca all'imprenditore nel 2014 per gestire al meglio la sua azienda?

Sembrerebbe incredibile ma, forse, è possibile isolare un solo fattore che accomuna tutte le difficoltà che la maggior parte degli imprenditori e dei lavoratori stanno incontrando in questi ultimi tempi.

Questo fattore è legato alla velocità del cambiamento delle cose.

Una cosa semplice, se ci pensiamo bene ma dai risvolti complessi e profondi, tal volta drammatici.

Molti secoli fa, i cambiamenti sociali in generali e dell'economia erano lenti, addirittura lentissimi.
Tuo padre ti insegnava come si coltivava la terra o come si allevava del bestiame. Se egli era un agricoltore o un allevatore.
Ti insegnava come si lavorava il legno per creare dei mobili se era un falegname e via dicendo.
Le cose si ripetevano con assidua precisione simili anno per anno, decennio dopo decennio.
Ogni tanto accadevano degli sconvolgimenti, è vero. La storia ci mostra molti esempi. Ma in ogni caso erano situazioni talmente improvvise e drammatiche che riguardavano fatti generali della vita piuttosto che normali attività economiche.
Guerre, catastrofi, invasioni, epidemie e robe simili.

Con l'avvento della rivoluzione industriale le cose hanno cominciato a prendere una velocità di cambiamento mai sperimentata nella storia umana.
Sono nate industrie e fabbriche e il commercio moderno ha cominciato a mostrare il suo funzionamento.
Poi c'è stata la rivoluzione dei trasporti (auto e aerei) e questo ha moltiplicato gli orizzonti degli scambi economici. Il tutto sempre più veloce.

Ma se guardiamo a 1 o 2 generazioni fa, rimaneva molto forte e stabile un concetto:
"Ciò che va bene per tuo padre, va bene anche per te!".

Il concetto è un pò grossolano ma significa solo che era normale prendere OGGI una decisione che valeva per i successivi decenni.....
Per essere ancora più semplici, quando una persona ad esempio decideva che lavoro fare, pensava quasi sempre che questo sarebbe stato per la vita.
"Prendi un titolo di studio e trovati un posto fisso" è stato lo slogan più in voga fino agli anni 90.

Perchè il posto fisso? Perchè c'era l'idea che il mercato cambiasse ma lentamente. E che se tu trovavi un posto di lavoro, questo sarebbe durato per lo meno una generazione..... per lo meno 30-40 anni.

Se pensiamo a chi apriva un'attività commerciale o un bar negli anni '70 o '80, era verosimile pensare che costui era a cavallo. La difficoltà era aprire ma se apriva era fatta......
Adesso è così? Proprio per niente. E ognuno può vedere nella sua città, numerose attività commerciali o artigiane che aprono e chiudono dopo soli pochi mesi. Lasciando spesso di stucco gli osservatori esterni per l'incongruenza e stranezza della cosa......

Cosa manca all'imprenditore moderno per gestire al meglio la sua azienda?
La consapevolezza che la velocità di cambiamento dei mercati, delle esigenze, delle strategie, dei rapporti di forza fra aziende e stati, di tecnologia, di cultura e abitudini è aumentata a dismisura.
Ciò che funzionava solo 5 anni fa, non funziona più adesso. O funziona meno bene, impendendo di essere efficienti al punto da avere più ricavi che costi.

Tutto qui. Anche se questo apre le porte a conseguenze incredibili.
Così un lavoratore che viene formato nell'anno zero, non può continuare a lavorare tutta la vita con quella preparazione e quella conoscenza.
L'idea di poter prendere un titolo di studio o acquisire una competenza professionale e poi pensare solo a lavorare è ormai talmente sbagliata da rasentare la stupidità.

Lo sanno molti professionisti che passano gran parte del loro tempo in corsi di aggiornamento.
Corretto.
Quello che non viene posto in rilievo è che non basta aggiornarsi da un punto di vista di competenze tecniche specifiche riguardanti il proprio lavoro.
C'è bisogno di una formazione continua. Che riguardo i meccanismi generali del mercato, del marketing, delle vendite, di come si opera in gruppo, di come si dirige una squadra, di come di pianifica il prezzo dei propri prodotti e via dicendo.

E per fare questo occorrono competenze che quasi nessun imprenditore può riuscire ad avere mentre, contemporaneamente, si aggiorna sul proprio lavoro e manda avanti la baracca.

Avete mai conosciuto un imprenditore che si gestisca da se la contabilità e adempia da solo alle incombenze fiscali? In Italia poi..... figuriamoci.....
Solo grandi aziende possono avere un giro tale da internalizzare il servizio e avere queste figure professionali al proprio interno.

Tutti gli altri, devono entrare nell'ottica che il coaching o la formazione sono non più un'opzione ma una vera e propria ancora di salvezza.
Se ci si vuole dirigere preparati verso un prossimo futuro in cui le cose non cominceranno ad andare più lentamente.

Tutt'altro....

La Learning School è una società di Coaching che opera da moltissimi anni e si è occupata con successo di molte imprese di diversi settori merce ologici.
I suoi consulenti sono preparati per accompagnare l'imprenditore nel suo lavoro e assisterlo nelle sue necessità. Qualunque esse siano.
Contattaci per comprendere meglio come la Learning School può esserti di aiuto.

Grazie per l'attenzione.

giovedì 3 luglio 2014

Perchè l'intervento di un consulente esterno aiuta l'azienda?

Qualche volta ci viene posta una domanda.

Ci viene chiesto, perchè mai un'azienda dovrebbe affidarsi ad un consulente esterno per risolvere i propri problemi oppure per aumentare la propria efficienza e redditività.

Qualcuno ce la pone, ma siamo sicuri che molti si interrogano su questo argomento, pur non avendo la schiettezza di esternare questa legittima perplessità.

Potrebbe infatti sembrare che la proposta di servizio di un consulente esterno (come la Learning School) sia alquanto inutile.
"Chi sei tu? Il mago con la bacchetta magica?", si potrebbe quasi chiedere al consulente.

Niente di tutto ciò. Il consulente non è nè un mago nè qualcuno con una bacchetta magica.

L'esempio più calzante potrebbe essere quello dell'individuo che si accorge di essere in sovrappeso e che realizza di dover perdere peso e rimettersi in forma.
Diciamo la verità, un pò tutti sappiamo a grandi linee cosa questa persona dovrebbe fare.
Cioè dovrebbe aumentare il movimento (praticando possibilmente un pò di attività sportiva) e diminuire le calorie introdotte nel proprio corpo. E questo lo si ottiene con un maggiore controllo del tipo di alimentazione consumato e di una riduzione (piccola o grande che sia) delle quantità.

Per dirla in parole ancora più semplici, la persona deve evitare cibi calorici (dolci, bibite gassate, fritti, etc.) e muoversi di più.
Lo sa lui e lo sanno più o meno tutti.
Ma allora perchè andare da un dietologo?

Ci sono vari motivi per questo:
1) In primo luogo affidarsi ad un professionista esterno significa voler fare le cose per bene. Per quanto a grandi linee si sappia cosa si debba mangiare e cosa no, è nei dettagli che la professionalità e l'esperienza di un medico dietologo salta fuori. Se qualcuno è 10 o 20 anni che segue altre persone sulla perdita del peso, la quantità di esperienza in suo possesso è tale che può osservare fatti e situazioni che alla persona comune sfuggono.
2) In secondo luogo, avere una persona che ci segue ci costringe ad una disciplina che è impensabile se dovessimo fare tutto da noi. Sapere che si sta pagando qualcuno per dimagrire è sicuramente un incentivo per dimagrire effettivamente. Quando si fanno le promesse tra se e se, è sempre pronta la scusa per rimandare al giorno dopo l'inizio della dieta.

Un consulente e formatore accumula negli anni decine e centinaia di casi di aziende a cui da i propri servizi. Questo affina la sua comprensione di ciò che deve essere e di ciò che non deve essere fatto.

Quindi questo sguardo esterno rimane sempre obiettivo su azioni da intraprendere.

Può accadere che il titolare stesso di un'azienda, alcune volte, non abbia la capacità di osservare la scena da fuori. E' talmente preso dalla sua ditta, dal lavoro e dai problemi che tende ad introvertirsi all'interno delle semplici meccaniche della cosa.
Come essere dentro un labirinto e muoversi a tentativi anzichè osservare il tutto dall'alto trovando immediatamente la via d'uscita.

L'intervento di un consulente o coach esterno è quindi il più delle volte risolutivo.
Non ultimo, il fatto stesso di pagare qualcuno perchè ci aiuti o ci sia di supporto, rende la sua influenza di maggiore efficacia. Più o meno come il compenso dato al dietologo rende più forte la disclipina sulla dieta prescritta.

In conclusione, ogni ditta ha specifici problemi e situazioni da gestire o risolvere. Ogni ditta è una ditta a se stante ed è diversa dalle altre. Ma la gestione di un'attività aziendale, di un lavoro o di un collaboratore ha certe leggi che sono immutabili settore per settore, zona per zona, o anche in relazione alla grandezza o piccolezza dell'azienda.
Conoscere queste leggi e questi metodi è FONDAMENTALE per affrontare le nuove sfide del mercato e dell'accresciuta concorrenza mondiale.

Spesso si può anche scoprire che l'intervento di un consulente esterno non è un costo ma un incredibile e proficuo investimento.

Contatta la Learning School per scoprire quale tipo di intervento personalizzato può fare per la tua azienda.
Compila il test aziendale gratuito EBA a questo indirizzo:
Dai dati immessi potremmo già cominciare a fare una sorta di check-up aziendale su quali siano le aree su cui intervenire in primo luogo. E quali siano le prime azioni da adottare.
Il servizio è completamente gratuito e senza impegno.

 Grazie per l'attenzione.

lunedì 3 febbraio 2014

FIORISCI E PROSPERA !! Prendi in mano il volante della tua vita

Conoscere e comprendere i concetti base di ogni attività consente di farla funzionare e vincere. Ogni persona desidera avere successo e vincere. Qualunque attività contiene in sé i segreti per la prosperità. Basta toccare le chiavi giuste e conoscerne i fondamenti.
 

Richiedi una Consulenza Gratuita

http://consigli.conoscerepervincere.com/fiorisci-e-prospera/


pera/

mercoledì 4 settembre 2013

Ebook GRATUITO per chi compila il sondaggio


BREVE SONDAGGIO ALLE AZIENDE 

Per individuare di cosa c'è realmente bisogno in azienda e per migliorare la nostra capacità di dare servizio, abbiamo preparato un breve sondaggio che puoi trovare a questo link


Compilando il sondaggio, alla fine verrete indirizzati ad un link dove potrete scaricare, a titolo gratuito l'ebook Come Affrontare il mondo del lavoro




Ti chiedo, per favore, di compilare il sondaggio, e di condividere il link facendolo girare alle tue amicizie. Grazie in anticipo per il tempo che vorrai dedicarmi

venerdì 17 maggio 2013

Ebook GRATUITO Organizzare la tua azienda

È facile per chiunque ammettere che, se le cose fossero meglio organizzate, la gente starebbe sicuramente meglio. Tutti abbiamo avuto a che fare con i ritardi burocratici, con enti statali impersonali o con imprese commerciali poco serie. Il problema della cattiva organizzazione è un problema serio e costa migliaia di miliardi in termini di spreco, inefficienza e calo della produttività.

Su un piano più individuale, l’organizzazione è un fattore chiave, spesso mancante, del successo personale. È altrettanto necessaria per il benessere di una famiglia. Realizzare i propri scopi, grandi o piccoli che siano, richiede familiarità con l’organizzazione. Qual è il modo più efficace e produttivo di gestire il proprio tempo, le proprie attività e risorse? Come si possono ridurre al minimo le distrazioni? Come si possono coordinare le proprie forze per realizzare i propri scopi?

L. Ron Hubbard si rese conto che l’uomo mancava della comprensione di come organizzare le sue attività. Egli dedicò una parte considerevole della sua ricerca a chiarire il soggetto dell’organizzazione, compito che svolse fino in fondo.

Sebbene questo opuscolo non descriva che alcuni dei principi fondamentali della tecnologia organizzativa da lui sviluppata, queste basi sono di per se stesse sufficienti per migliorare enormemente qualunque tipo di attività, sia essa individuale o collettiva. Il caos e la confusione non sono condizioni naturali della vita. Nascono soltanto quando le leggi naturali non vengono capite e seguite. Ecco alcune delle leggi naturali dell’organizzazione e dell’organizzare.

Scarica il tuo ebook


sabato 4 maggio 2013

Video Corso Come valutare e Predire il Comportamento Umano

www.alessandroscarfo.it
Image 1
Blog | Formatore | Sito | Videocorso
Video Corso
"Come Valutare e Predire il Comportamento Umano"

Ogni giorno si ha a che fare con persone. Di alcune ci si può fidare perché le si conosce, ma con altre si deve correre il rischio.
  • Come si determina se una data persona è affidabile?
  • Come si individuano le persone il cui potenziale è distruttivo?
  • È possibile prevedere cosa la persona penserà,e come agirà nei vostri confronti?




Corso Come Valutare e Predire il Comportamento Umano
Corso Come Valutare e Predire il Comportamento Umano
http://vimeo.com/dirigereaziende/com...

"Ogni giorno si ha a che fare con persone. Di alcune ci si può fidare perché le si conosce, ma con altre si deve correre il rischio. Come si determina se una data persona è affidabile? Come si individuano le persone il cui potenziale è distruttivo? È possibile prevedere cosa la persona penserà,e come agirà nei vostri confronti? Ora potete accedere alla tecnologia che vi permette tali valutazioni grazie al corso su Come valutare e prevedere il comportamento umano. Tale corso tratta in modo approfondito il campo del comportamento umano e fornisce la Carta della Valutazione Umana, compendio di un lungo ed esauriente lavoro di osservazione e sperimentazione. Imparando ad individuare certe caratteristiche visibili nella persona ed a riscon­trarne la posizione su questa Carta, si è in grado di determinare molto circa la persona stessa ed i suoi atteggiamenti, il suo comportamento ed il suo potenziale positivo e negativo. Si diventa infatti abili, con il continuo esercizio, a comprendere quanto quella persona sarà veramente collaborativa e quanto è solo “facciata”. Si “sa” se quell’individuo realizzerà veramente ciò che dice o se il suo potenziale di azione è troppo basso. Insomma si impara veramente a comprendere chi abbiamo di fronte e cosa può fare. L'impiego di questi dati risulta particolarmente determinante al successo dei settori delle vendite e del personale

Ebook Manuale Speaking from Experience


Scopri il manuale di tecnologia amministrativa applicata “Speaking From Experience, parlando per esperienza”. Un semplice manuale pieno di esempi e dati da applicare ogni giorno per gestire al meglio la tua azienda. Tutta la tecnologia descritta in questo libro è tratta dalle opere di L. Ron Hubbard, amministratore, scrittore, filosofo, educatore e ricercatore.
Questo manuale permette al lettore di ampliare notevolmente la propria conoscenza dei rudimenti dei gruppi e di come questi operino.
Benché improntato sul management, esso é in grado di allargare gli orizzonti del lettore in molti modi. I principi che compongono il tessuto di questo manuale poggiano su un approfondito studio dell’ attività manageriale, l’organizzazione, la gente e il suo lavoro. In esso sono esposte regole del management che possono definirsi universali e invariabili per ogni attività collettiva.
I principi esposti sono adottati in tutto il mondo da numerose aziende di successo. Le situazioni presentate nel manuale sono lo specchio di esperienze quotidiane concrete, piuttosto che la creazione artificiale di circostanze volte a intrattenere il lettore.
Ciò che differenzia questo manuale da ogni altro scritto sul management é l’esposizione di un concetto per pagina, corredato da illustrazioni. La forma grafica aiuta il lettore ad ottenere in modo più immediato una comprensione concettuale dell’ argomento trattato. Non lasciatevi però trarre in inganno dalla sua apparente semplicità. Là dove semplicità e verità si uniscono, i risultati sono straordinari.
In ogni condizione di mercato, un’azienda ben diretta é destinata a crescere e prosperare, mentre un’azienda dalla direzione scadente tende a crollare. La fine conoscenza del management è la chiave del successo negli affari in qualsiasi situazione di mercato.
È un abisso quello che divide il management esperto dal management scadente; un abisso che, quasi da sé, potrebbe cambiare il corso di un’intera cultura.

vai al link 

http://consigli.conoscerepervincere.com/ebook-speaking-from-experience-vendita/


lunedì 1 ottobre 2012

Ebook GRATUITO colloquio di selezione

Come si scelgono le persone che faranno la differenza per la tua azienda?
Imposta correttamente i tuoi colloqui di selezione
Scopri come individuare subito che cosa di solito scopri dopo mesi

scarica l'ebook GRATUITO





venerdì 23 marzo 2012

Perchè dare retta alla "crisi" ?

Continuamente mitragliato dalle notizie dei telegiornali ho pensato che potesse essere utile informati di come la penso veramente sulla crisi. Questo è un articolo relativo a questa pazzia.
Stiamo venendo massacrati mediaticamente dalla crisi, dalle borse che vanno giù, dal crollo di questo e dalla perdita di quest’altro.
Questo clima di tensione può preoccupare non poco l’uomo della strada che poco tempo ha di farsi una bella laurea in economia e poi perdere qualche mese a capire cosa sta succedendo.
La borsa, nella sua genesi, si proponeva di far incontrare due realtà: gli imprenditori (coloro che avevano idee e volevano intraprendere) e i capitalisti che avevano soldi ma non necessariamente idee.
Io proprietario di una stalla te ne cedevo una percentuale, e con i soldi che tu capitalista mi davi potevo ampliare la stalla esistente e portare il valore totale della mia attività ad essere più alto e quindi più remunerativo per entrambi.

In seguito questo modulo operandi andava perso per l’inserirsi di un fattore speculativo che niente aveva a che fare con l’acquisto di lavoro e iniziava, ma riguardava solo  numeri.

Ora negli anni passati queste cifre e sigle strane quali Nasdaq, Dow Johnes, che secondo me nessuno veramente sa’ chi o cosa siano, hanno iniziato a lievitare dando guadagni stratosferici che non erano seguiti da effettivi prodotti che venivano effettivamente ottenuti, ma erano proiezioni di “addetti ai lavori”.

Ora il vento è cambiato e si bruciano miliardi di euro ad ogni telegiornale. Io sono andato davanti alla Borsa di Milano e non ho trovato della cenere di banconote. E sapete perché? Perché non è vero. I soldi sono come l’acqua. 
Può essere in cielo, in mare, in fiume, ma non può sparire. Ti manca quando non ne hai nel fiume che passa vicino a casa tua. Lo stesso vale per i soldi: la loro scarsità è dovuta al fatto che non girano. Ma il martellamento mediatico ti induce a credere due cose :

- che non ci sono soldi
- che siamo rovinati.

Se qualcuno di voi è tutti i giorni attaccato alla necessità di far quadrare un bilancio, di soddisfare le richieste del direttore di banca o di correre per pagare gli stipendi, poco crederà a quanto scritto sopra. Ma se per un attimo ci si ferma e si analizza la cosa, si comprende che c’è solo un pericolo in cui si può veramente incorrere: dimenticare di fare il buon lavoro che è richiesto. Non ho mai visto un ragazzo di buona volontà e che sa’ lavorare non avere un impiego. Poi se invece a uno viene comodo delegare la responsabilità “all’assenza dello stato” allora va bene. Ma se una persona conosce un lavoro, lo sa’ fare e prova ancora piacere a farlo durante il giorno, beh quella persona non dovrebbe preoccuparsi della crisi, perché la sua capacità di lavoro non potrà mai essere sostituita da sistemi di numeri o altro. 

Se sei un buon ristoratore preoccupati di mantenere il tuo ristorante all’altezza della qualità che lo ha reso famoso, se sei un buon imbianchino continua a imbiancare con la voglia di plasmare il muro di fronte a te e di lasciare un piacevole ambiente al tuo cliente. Se fai così e continui a farlo, i pazzi del club del Nasdaq avranno perso un babbione  e questo mondo avrà acquistato un uomo più libero.

giovedì 22 settembre 2011

Citazione

"Se non ci si occupa correttamente di una particella e
            non la si fa proseguire correttamente, si ha una
            confusione o un vicolo cieco. Per organizzare
            un‘organizzazione è necessario qualcosa di più della
            teoria. Si devono esaminare ed elencare le particelle
            e delineare i loro percorsi e i mutamenti di
            caratteristiche che si desidera esse assumano lungo il
            percorso.
            Poi bisogna provvedere affinché esistano terminali e
            linee di comunicazione per ricevere, mutare e far
            procedere le particelle."
            -LRH
            HCO PL 2 novembre 1970 Pubblicazione I
            LA TEORIA DELLE ORGANIZZAZIONI DI SCIENTOLOGY


© 2011 WISE. All Rights Reserved. Grateful acknowledgement is made to L. Ron Hubbard Library for permission to reproduce
 a selection from the copyrighted works of L. Ron Hubbard. LRH is a trademark and service mark and is used pursuant to a
licensing agreement. WISE and the Lioness & Cubs Symbol are trademarks, service marks and collective membership marks
owned by WISE.

lunedì 19 settembre 2011

Richiedi l'eBook gratuito "I Fondamenti dell'Amministrazione"




Scopri i principi fondamentali che consentono di riportare ordine in azienda e organizzare un'espansione continua.

Richiedi l'eBook gratuito


© 2011 Learning School. Tutti i diritti riservati. L. RON HUBBARD è un marchio d’impresa ed è usato in aderenza all’accordo di Licenza. 
 IA # 11091902ITL

martedì 12 luglio 2011

Uscire dalla CRISI !!!

Scopri come far uscire la tua azienda dalla crisi e ritornare all'espansione ed alla redditività






contattaci subito

giovedì 28 aprile 2011

Prosperity Planner



scopri come averla


Citazione




© 2011 WISE. All Rights Reserved. LRH is a trademark and service mark owned by RTC and is used with its permission. WISE and the Lioness & Cubs Symbol are trademarks, service marks and collective membership marks owned by WISE.            

domenica 6 febbraio 2011

Scuola Vendite - Formazione Finanziata Fomarcom



Scuola Vendite

Informazioni: Gli ultimi 2 anni,  causati dalla profonda crisi economica internazionale,  hanno visto un rallentamento del mercato ed una difficoltà maggiore per l’aziende mantenere le loro azioni di espansione nel territorio. In particolare, il settore delle vendite ha subito un calo dovuto ad una richiesta di maggiore aggressività adesso necessaria per continuare a fare sviluppo sul nuovo  e mantenere i clienti attuali. Diventa necessario quindi fare interventi di formazione volti a rendere più competenti e capaci i venditori insegnando loro le tecniche base delle vendite, ed allenandoli attraverso esercizi che rafforzino la loro capacità di condurre la trattativa. Inoltre per rendere efficace il lavoro fatto sui venditori, bisogna che il Responsabile Vendite venga formato sui principi base della gestione venditori così da creare un team efficace e produttivo

Scopo del progetto:

1.      Venditori formati sui principi della vendita che aiutano i clienti a utilizzare in modo continuativo i prodotti dell’azienda e che riescono facilmente a sviluppare clienti nuovi sul territorio a loro assegnato
2.     Responsabili Vendite in grado di creare e mantenere venditori di successo


Sommario del Progetto:

Quello che segue è la sequenza concisa degli interventi esposti nel programma così che possano essere  visionati con facilità e rapidamente. I passi sono comunque dettagliati nelle pagine successive:

1.     Analisi del Potenziale esistente:   La diagnosi è in poche parole un’analisi approfondita della forza  vendita. Viene compiuta tramite un’analisi della meta che ci si prefigge di raggiungere, messa poi in relazione con le potenzialità dei singoli individui che compongono il gruppo e con il loro livello di motivazione. La fase di diagnosi permette di evidenziare quali sono le risorse di vendita a disposizione per realizzare gli obiettivi che si prefigge, e se queste risorse di vendita sono utilizzate in modo ottimale al fine di raggiungere gli scopi commerciali che l’azienda si è posta.

2.     Corso Tecniche Avanzate di Vendita: Il corso è un resoconto rivolto all'applicazione pratica delle caratteristiche e delle strategie dei venditori Top e come fare per svilupparle in se stessi. I venditori ottengono una maggiore carica e imparano ad operare in maniera più incisiva nei confronti del mercato. Per renderlo più efficace e lasciare la capacità di interagire è meglio tenerlo a gruppi di venditori e non alla totalità della forza vendita assieme.


3.     Corso Esercizi Avanzati di Vendita: Il corso è rivolto a rafforzare la capacità di APPLICARE ed avere dimestichezza con le varie tecniche avanzate di vendita. Il venditore rafforza la fiducia in se e migliora la convinzione necessaria in chiusura. Durante il corso si fanno Esercizi di simulazioni di vendita a coppie ed esercizi di simulazione di vendita d’aula. Lo scopo è aumentare la dimestichezza con le tecniche avanzate di vendita acquisite con il  corso del punto 5. Per renderlo più efficace e lasciare la capacità di interagire è meglio tenerlo a gruppi di venditori e non alla totalità della forza vendita assieme.
4.     Corso Direzione Vendite: Il corso è rivolto a creare dei Direttori Vendite (i CTA) che conoscano a menadito le tecniche di  gestione e controllo di qualunque tipo di venditore e portarlo ad un alto volume di vendite. Si trattano i vari strumenti che possono essere usati per sbloccare il singolo venditore Il risultato sono venditori di successo. Ogni persona riceverà una serie di pratiche da fare dopo il corso per aiutarli ad “esercitarsi” nei dati appresi.

5.     Interventi Personalizzati: Oltre al piano formativo di cui sopra saranno necessarie interventi individuali (one to one) per sbloccare situazioni difficile e/o per fortificare delle risorse particolarmente importanti per l’azienda e strategiche per l’ottenimento degli obiettivi stabiliti. Questo in base a quanto individuato durante la fase di Analisi del Potenziale.



6.     Ri analisi dei risultati: A questo punto è necessario ri analizzare l’area per verificare i risultati ottenuti ed individuare le azioni che necessitano per migliorare ulteriormente la scena




Per ulteriori informazioni andate al link 

contattateci per avere le modalità di iscrizione a



domenica 21 novembre 2010

Analisi del Potenziale - PPA Test


http://it.performia.info/images/spacer.gifL'analisi del potenziale è composta di 200 domande ed ognuna ha 3 risposte alternative possibili. Richiede circa 45 minuti per effettuarlo e non ha limite di tempo. Il test evidenzia 10 tratti della personalità lavorativa che danno indicazioni sulle attitudine produttive della persona.

I nostri esperti consulenti valuteranno le informazioni fornite dal test in relazione alle azioni necessarie per aiutare la persona a svolgere meglio il suo lavoro. Questo include il modo in cui la persona va gestita così come le azioni formative necessarie e ad aumentare la capacità della persona di vincere sul  suo posto di lavoro

I risultati sono precisi, diretti e forniscono una chiara e netta figura delle relazioni in ambito lavorativo della persona con se stessa e verso i suoi colleghi.

Questa analisi è uno strumento eccellente e di inestimabile valore nello sviluppo e crescita del personale esistente.

Lo scopo nel fare questa analisi al proprio personale è di individuare in che modo rendere ogni persona più efficace e più volenterosa di fare la sua parte e creare quindi un Team produttivo e vincente



Obiettivo 
  • Ottenere la massima prestazione da ognuno dei vostri collaboratori
  • Costruire il miglior team possibile con le risorse esistenti
  • Programmare inserimenti e avanzamenti per l’espansione aziendale

Oggetto dell’analisi
  • La missione aziendale
  • L’Organigramma
  • Misuratori di performance
  • Il potenziale di ognuno dei suoi collaboratori
  • L’attuale livello di coinvolgimento verso gli obiettivi aziendali
  • L’attuale mansione e la mansione ideale

Intervento sui collaboratori        
  • Somministrazione del test
  • Colloquio e consegna dei risultati del test
  • Colloquio di motivazione ed incentivazione
  • Relazione conclusiva su punti deboli, punti di forza, cosa fare per migliorare le prestazioni e la determinazione verso il raggiungimento degli obiettivi aziendali

Strumenti in suo possesso  
  • Una chiave di accesso per ognuno dei suoi collaboratori per stimolarli, incentivarli e spingerli all’azione
  • Un programma di inserimenti e ricollocazione sull’organigramma che faccia espandere l’azienda



I tratti sono :

STABILITA – misura il livello di concentrazione, degli standard, del senso dell'ordine, organizzazione e pianificazione ed anche il livello di perseveranza verso un obbiettivo lavorativo assegnato.
FELICITA– misura il il livello di entusiasmo, allegria e soddisfazione relativi al raggiungimento di un obbiettivo lavorativo oppure la mancanza di questi fattori in ambito lavorativo
COMPOSTEZZA – misura la calma, tranquillità, autocontrollo,pazienza ed abilità a rilassarsi , relazionati ad un ambiente lavorativo , in opposizione al nervosismo ed irritabilità.
CERTEZZA – misura la chiarezza di osservazione e conoscenza , la coerenza e la prevedibilità in ambito lavorativo.
ATTIVITA – misura il livello di energia, dinamismo, iniziativa,vivacità,iniziativa e vigore in ambito lavorativo.
SPINTA – misura la determinazione,spinta,convinzione, risolutezza, aggressività e forza verso obbiettivi lavorativi.
RESPONSABILITA – misura la causatività,il senso del dovere, la capacità di essere obbiettivo ed imparziale in ambito lavorativo.
STIMA CORRETTA – misura il criticismo costruttivo , il livello di accordo , ragionamento logico ed equità su situazioni lavorative.
EMPATIA – misura la amicizia, accordo, la gentilezza, cortesia, fiducia ed affetto verso le altre persone presenti nell'ambiente lavorativo.
COMUNICAZIONE– misura la qualità della comunicazione,cordialità come pure la vivacità ed espressività della comunicazione in ambiente lavorativo



fai una prova gratuita 
compila il test

Un nostri consulente ti richiamerà per fissare un incontro 

e visionare i risultati dell'analisi

chiedi maggiori informazioni






venerdì 12 novembre 2010

Test di Analisi Aziendale Epoch Business Analisys

Per aiutare chi si rivolge a noi, sia egli un cliente aziendale che frequenta i nostri workshop, uno studente in cerca di laurea o altro, cerchiamo di assisterlo a risolvere ciò che va realmente affrontato per migliorare la sua condizione e prosperare.

A questo scopo, effettuiamo una serie di test per individuare sia i punti di forza, sia le debolezze. In questo modo possiamo valutare precisamente la situazione in cui si trova la persona e fornirle esattamente ciò di cui ha bisogno. Di seguito ti presentiamo un test che puoi usare subito per capire in quali aree la tua azienda può migliorare.
Potete richiedere la modulistica per compilarlo comodamente da casa o dall'ufficio.

Quest'accurata analisi aziendale è stata sviluppata in base ad una precisa tecnologia amministrativa; il risultato finale verrà valutato in base alle risposte fornite e alle varie caratteristiche precisate all'inizio del test.

E’ un questionario professionale di 100 domande specifiche che permettono di acquisire una visione approfondita della tua azienda.
Il questionario mette in luce sia i punti forti della tua azienda (consentendoti di trarne il massimo beneficio), sia le aree problematiche (ovvero quei fattori che ne bloccano il vero potenziale e l’espansione). I risultati saranno indicati su un grafico come quello qui mostrato, che classifica la tua società in base a 10 diversi tratti.
Una volta completato il test, un consulente valuterà le tue risposte in base alle quali sviluppiamo un grafico con il profilo della tua azienda.

Il grafico classifica la tua società in base a 10 diversi tratti: tuttavia le relazioni che intercorrono tra questi tratti celano importanti aspetti visibili solo all’occhio di un esperto valutatore.

per farti inviare la modulistica da compilare e fissare poi un incontro con un nostro consulente per la consegna dei risultati dell'analisi

Descrizione delle caratteristiche misurate dal test
MANAGEMENT: Questa colonna misura l'efficacia della Dirigenza nel gestire l'azienda da un punto di vista strategico (ideazione dei piani e loro esecuzione). 
ORGANIZZAZIONE Questa colonna ha a che fare con le funzioni della divisione personale e organizzazione. Funzioni queste che risultano in personale produttivo, un'azienda ordinata che funziona senza problemi (in maniera ordinata, senza guai, interruzioni, ecc.) con il minimo dispendio di tempo dovuto a confusioni, poca chiarezza dei ruoli, non esecuzione degli ordini, ecc.
RIPETITIVITA’ DELLE VENDITE: In questa colonna un funzionamento efficace creerà un fatturato stabile e/o in aumento in quanto vendite ripetitive a clienti esistenti provvedono una base stabile dalla quale espandersi.
AMMINISTRAZIONE: Questa colonna non include l'efficacia della pianificazione finanziaria (che viene misurata nella colonna Management). Qui ci focalizziamo sull'accuratezza, affidabilità e puntualità delle funzioni amministrative.
PRODUZIONE:Le domande in questa sezione sono espresse in termini generali così da coprire ogni tipo di area di produzione. Le risposte indicano primariamente come il dirigente vede la qualità dei prodotti e servizi consegnati dalla sua azienda.
QUALITÀ: Queste domande sono state messe assieme con lo scopo di determinare se esistono o no dei sistemi per mantenere ed aumentare la qualità dell'azienda. Per qualità non si intende solamente la qualità dei prodotti, ma anche se esistono dei sistemi per migliorare la qualità degli uomini in azienda.
ESPANSIONE(Crescita/assenza di crescita) Questa funzione misura quanto l'azienda è in grado di acquisire nuovi clienti o se si sta concentrando solamente sui clienti che già ha. Questo tratto misura l'espansione che la società sta avendo. Se è molto basso, prima o poi arriverà la contrazione. Per risolvere un punteggio basso in questa colonna bisognerebbe acquisire nuovi venditori da dedicare alla ricerca di nuovi clienti e anche un corso per il Direttore Commerciale aiuterebbe.
GESTIONE DELLO STRESS:Se Questo tratto non misura tanto se il dirigente è stressato. Tutti i dirigenti sono stressati. Misura quanto lui è in grado di farci fronte a tale stress.
PRINCIPI DI MANAGEMENT: Questa colonna indica accordo o disaccordo con principi di base funzionali nella gestione dell'azienda o delle persone
DISPONIBILITA’ ALL’AIUTO: Questo tratto misura quanto la persona è aperta a ricevere consigli o aiuto da una fonte esterna.

per farti inviare la modulistica da compilare e fissare poi un incontro con un nostro consulente per la consegna dei risultati dell'analisi